Retrospettiva Holzverbindet 2017

Il legno: un materiale edile che ha un futuro!

Il 16 e 17 febbraio, gli attori del settore internazionale e locale della lavorazione del legno e dell’edilizia in legno si sono incontrati in occasione delle 3 giornate informative “Holzverbindet” di quest’anno. Più di 130 specialisti del settore del legno presenti nel pubblico hanno seguito con interesse le conferenze accomunate dal tema “Opportunità e sviluppi nell’edilizia in legno”, con approfondimenti relativi agli attuali progetti edilizi in legno da parte di aziende svizzere in tutto il mondo.

Le nuove sfide: 1a giornata

Per prima cosa Christoph Starck di Lignum Schweiz ha presentato una panoramica. Per lui la Svizzera è “il Paese più avanzato nell’edilizia in legno, che ha investito moltissimo nella protezione antincendio e oggi è in grado di costruire in teoria qualsiasi cosa con questo materiale. Richard Jussel della Blumer-Lehmann AG ha esposto come dei begli elementi modulari in legno con una moderna architettura stiano rivoluzionando sempre più il mondo dell’edilizia. Il legno brucia sicuro, è un dato di fatto dal doppio significato. Fino a pochi anni fa, le opere edilizie in legno a più piani erano pertanto un tabù. Poi, gli ingegneri civili specializzati in edilizia in legno hanno riformulato gli obiettivi. “Bruciamo ancora”, afferma Reinhard Wiederkehr, “ma sappiamo come vanno le cose.” Rene Staudacher dell’Ufficio regionale tirolese per la prevenzione degli incendi ha constatato nel corso del dibattito sul palco che le costruzioni in legno sono grandezze misurabili nella protezione antincendio preventiva, in edilizia. Un dilemma: la mancanza di normative e disposizioni unificate, che sono necessarie “per poter offrire alla legislazione degli spunti di soluzione”. Heinz J. Ferk è alla guida del laboratorio di fisica edilizia del Politecnico di Graz. Hannes Ganner di Theurl Holz ha tratto dalla discussione la conclusione di affidare agli esperti in materia antincendio l’incarico di unificare i regolamenti nazionali e di trovare per l’edilizia in legno una base normativa unificata, secondo il modello svizzero. La suggestiva esibizione dei suonatori di corno alpino del Tirolo Orientale ha quindi segnato il passaggio alla parte più godibile della serata. Dopodiché è stato servito per cena un delizioso menù svizzero, che ha dato modo ai partecipanti di assaporare il lato culinario della Svizzera, tra l’altro con la mousse al Toblerone e la torta di noci dell’Engadina. All’accompagnamento musicale ha provveduto il gruppo ‘Die Saitenbieger’ diretto da Werner Obermoser.

Le nuove sfide: 2a giornata

Berthold Kranz ha illustrato lo sviluppo dell’edilizia in legno dal punto di vista di un produttore di materiali isolanti in fibra di legno. Karl Dobianer ha poi spiegato dal punto di vista di un biochimico come mai un materiale edile straordinario come il legno trovi così scarsa diffusione in Austria. Per lui il legno, già soltanto in virtù del suo effetto antisettico, è un prodotto estremamente sano. L’ultima parola è andata infine a un economista, René Schmidpeter, che ha delineato un provocante scenario futuro che dischiude al legno come materiale edile nuove possibilità inaspettate. Dalla vasca da bagno all’automobile, il legno può essere utilizzato ovunque.

Alla fine ci sono state visite guidate alla segheria, che hanno portato i partecipanti a conoscere le origini della lavorazione del legno. I tronchi vengono consegnati…

Molto soddisfatti, colpiti e con tante idee in testa, i partecipanti hanno fatto ritorno alla loro quotidianità.

 

Link Radiospot – Statements zu Holzverbindet 2017

www.holzverbindet.at

 

SAVE THE DATE – HOLZVERBINDET 2018

Giovedi, 22. Februar – Venerdi, 23. Februar 2018

THEURL Holzindustrie, 9911 Thal – Wilfern 40

BAYERN – UN’ AREA ECONOMICA NEL CUORE DI EUROPA

 

« indietro